COMMENTI DA FACEBOOK:    Provate Vacanze Greche per soggiorno a Kos (Kardàmena): attenti, solleciti e cortesi. Bravi!    Rientrati ieri da Kos. Vacanzegreche si è rivelata all'altezza delle aspettative in quanto ad attenzione al cliente. Un grazie ad Andrea, Elena e a tutto lo staff per la disponibilità dimostrata. Se torneremo in Grecia sicuramente sarete ancora il nostro punto di riferimento.     Elena ed Andrea sono molto disponibili... ci rivedremo sicuramente... un bacio..     Rientrati giovedì da Kos.Bella isola, bella vacanza!!. Grazie di cuore a Elena e Andrea per l'aiuto che ci hanno dato!!!. Fiorella    Tornati ora da Rodi! Bellissimo! Grazie a tutti e la prossima volta proveremo Kos!!! MONICA    ... Elena, Andrea.... grazie mille per tutto!!!! siamo rientrate qs mattina... Vacanza splendida, sento già la mancanza di Kos... voglio tornare...!!!! a presto... ELISA    splendida vacanza, grazie KOS! ALBERTO    Ciao ragazzi, la vacanza è finita però ci siamo divertiti tantissimo un saluto poi se passate da Bologna fateci uno squillo ;) MASSIMO    Ragazzi, siamo a Kos da quasi 2 settimane con Vacanze Greche, ottima organizzazione e alloggi...poi Kos é stupenda! Partite subitoooo    Ciao Andrea !Grazie per la magnifica vacanza :-)) ANDREA CECCATO    Chi va a Kos, ci tornerà ogni anno....parola di chi, come me, la conosce benissimo... IRENE    Ciao ragazzi sono tornata ma già mi manca Kos volevo ringraziarvi per tutto siete stati molto disponibili GIOVANNA    Ciao Elena/Andrea, vorrei farvi un ringraziamento per l''assistenza e i consigli sui posti che c'erano da visitare... è stata proprio una bella vacanza!! Francesca    Ciao ragazzi!!Volevo ringraziarvi per le indicazioni e il supporto che ci avete dato per vivere questa vacanza al meglio...Bellissima isola Kos...resta nel cuore!!Un bacio e alla prossima magari! Federica

Da non perdere a KOS

IL CASTELLO DEI CAVALIERI

L’edificio più interessante ed imponete dell’isola di Kos è il Castello dei Cavalieri, situato nella parte nord- orientale del porto del capoluogo, per “difendere” e “controllare” lo stretto tra Kos e le coste della Turchia (l’antica Asia Minore).

Il castello venne edificato dai Cavalieri di San Giovanni a metà del XIV secolo e molto probabilmente non venne costruito da zero, bensì su altri edifici che caratterizzarono altre epoche.
Per questo motivo troviamo inserite nelle mura numerose pietre antiche, pezzi di marmo, frammenti di colonne e altre parti architettoniche che appartengono ad altri edifici.

Il Castello, come si vede oggi, è costruito in due complessi principali, uno interno (e più antico) ed uno esterno con mura fortificate (costruito in fase successiva per una maggiore protezione).

Il visitatore potrà ammirare ancora oggi mura, torri, merlature, scale e sale.

Un salto nel passato che merita di essere vissuto.

 

IL MUSEO ARCHEOLOGICO

Il Museo Archeologico si trova sul lato nord di Piazza Eleftheria del capoluogo dell’isola di Kos.

Si tratta di un edificio a due piani eretto ai tempi dell’amministrazione italiana, con un ingresso maestoso che ricorda le terme romane.

Custodisce reperti archeologici di epoca ellenistica, romana e magnifici mosaici protocristiani.

All’interno troverete meravigliose statua ancora intatte, mosaici, frammenti di steli funerarie e bassorilievi.

Tutto ciò che è stato ritrovato è stato riunito in questo museo che saprà appassionare non solo gli amanti della storia antica.

IL PLATANO DI IPPOCRATE

Di fronte all’entrata del Castello dei Cavalieri di San Giovanni si trova un albero di storica importanza, si tratta del Platano di Ippocrate.

La tradizione dice che venne piantato dal famoso medico 2500 anni fa.

Ha un diametro di 12 metri circa ed essendo un albero molto antico è legato a un infinito numero di miti e leggende.

Accanto al cancello di protezione che lo circonda, si trova un sarcofago, risalente al periodo del dominio turco, adattato a fontana per fornire acqua alla vicina Moschea di Gazì Hasàn Pascià.

L’ASCLEPIO

L’asclepio si trova a circa 3 chilometri dal capoluogo dell’isola di Kos.

La località è molto particolare e la vista sulla pianura di Kos e la costa della Turchia la rendono ancora più incantevole.

Gli abitanti dell’isola di Kos hanno sfruttato in modo creativo i dislivelli del piccolo colle per costruire su tre livelli le varie parti del complesso edilizio.

L’Asclepio di Kos divenne particolarmente famoso nell’antichità per la capacità e la saggezza degli “Asclepiadi” ( i suoi medici) e specialmente per il più famoso di tutti loro: Ippocrate, il padre della medicina, che fondò nell’isola la prima scuola per medici.

Il complesso venne scavato la prima volta nel 1902, ai tempi della dominazione turca.

L’Asclepio è costituito da 3 livelli e sorgeva nel cuore di un bosco ritenuto sacro.

Si consiglia assolutamente una visita prima di lasciare l’isola.

E’ un luogo che ancora oggi riesce ad emanare particolari energie benefiche e per poterlo vivere al meglio vi consigliamo di prenotare presso la biglietteria una guida,che possa condurvi attraverso un percorso guidato e spiegazioni mirate per conoscere al meglio questo luogo che attira ogni anno migliaia di visitatori da tutto il mondo.

CASTELLO VENEZIANO DI ANTIMACHIA 

Il Castello Veneziano edificato dai Cavalieri di San Giovanni nel 1300, venne costruito sulle rovine di costruzioni più antiche già esistenti.

Oggi si sono conservate parzialmente porte, stanze, magazzini per le derrate, cisterne per l’acqua e altre costruzioni. Dentro il Castello si trova anche la chiesa di Aghia Paraskevì, dove si svolge una grande sagra il 26 luglio.

La chiesa di Aghia Paraschevì è una basilica a una navata con il tetto con le tegole, il pavimento è rivestito di piccole lastre rettangolari, il capitello paleocristiano costituisce l’altare della chiesa e ma degli affreschi sono rimaste solo delle tracce. Dentro al castello ci sono ancora le rovine di San Nicola.

Nell’architrave della Chiesa c’è murata una lastra con uno stemma dei Cavalieri e la data 1520. Nel suo sagrato c’è una cisterna.

Per la visita al Castello di Antimachia, vi consigliamo di recarvi al mattino o al tramonto per evitare le ore più calde della giornata, non essendoci alcune area all’ombra.

Passeggiare all’interno di questa fortezza che ha un tempo ospitato soldati e centinaia di abitanti dell’isola alla ricerca di protezione, vi farà immediatamente fare un salto nel passato.